Spedizione in tutta Italia. Pagamento online o alla consegna
Carello
0,00
Benvenuto nel nostro Shop
Non disponibile

Papaya

5,49

Papaya

Esaurito

Categoria

Descrizione

La papaya (frutto di Carica papaya L.) è conosciuta anche come frutto della vitalità grazie alla sua azione tonica, energetica e rivitalizzante. Ricca di antiossidanti, come carotenoidi, contiene anche elevate quantità di vitamina A e vitamina C. Scopriamola meglio.

Nella papaya sono presenti potenti antiossidanti come i carotenoidi e i flavonoidi che proteggono le nostre cellule dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare e da alcune gravi patologie.

Tra i carotenoidi spicca il licopene (una papaya media ne contiene 2,5 mg – Fonte: Carotenoid Database for U.S. Food, 1998), potente antiossidante naturale la cui azione è quella di combattere l’invecchiamento cellulare e la proliferazione cellulare causa di molteplici malattie cronico-degenerative.

Non sintetizzato dall’organismo, occorre procurarlo dagli alimenti che lo contengono e che sono rappresentati, come fonte privilegiata, per il 90% dal pomodoro e i suoi derivati, dal pompelmo rosa, dall’anguria, dall’uva, dall’albicocca e appunto dalla papaya.

Molto simile al melone, la papaya è un frutto molto dissetante grazie al suo elevato contenuto di acqua (circa 88%), inoltre ha ottime proprietà nutritive perché ricchissima di vitamine A, vitamina C (più del kiwi e delle carote!) e vitamina P, ha molte fibre, pochissimi grassi (0,3%) e un basso apporto calorico (circa 39 kcal per 100 grammi).

Dai frutti immaturi si ricava un enzima, la papaina: enzima proteolitico che può essere usato per la cura di difficoltà digestive grazie alla sua capacità di degradare le proteine. Questo enzima, infatti, facilita la digestione delle proteine ingerite e la sua azione è particolarmente evidente dopo i pasti frettolosi e abbondanti.

Nel frutto maturo la quantità di questo enzima risulta però più bassa. Questa funzione è particolarmente utile poiché dopo i 35 anni di età la produzione, da parte del pancreas, di enzimi con attività proteolitica diminuisce.

Inoltre la papaina, grazie a un suo effetto alcalinizzante, ristabilisce nell’organismo l’equilibrio acido-base spesso compromesso e squilibrato verso l’iperacidità da diversi fattori, come un’alimentazione non corretta, povera di frutta fresca e verdura, lo stress, un consumo eccessivo di farmaci, l’inquinamento ambientale e un’insufficiente attività fisica.

Una delle conseguenze dell’iperacidità è un aumento della formazione di radicali liberi che danneggiano le strutture cellulari.

 

Per 100 g di prodotto abbiamo:

  • 0.3 g di grassi
  • 0 mg di colesterolo
  • 8 mg di sodio
  • 182 mg di potassio
  • 11 g di carboidrati
  • 1.7 di fibre
  • 8 g di zucchero
  • 0.5 g di proteine

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Quick Comparison

SettingsPapaya removeNoce Di Cocco removeKiwi Zespri removeAnanas removeBanana removeLime remove
NamePapaya removeNoce Di Cocco removeKiwi Zespri removeAnanas removeBanana removeLime remove
Image
SKU
Rating
Price5,492,994,992,99 1,591,29
Stock

Esaurito

889 disponibili

402 disponibili

923 disponibili

AvailabilityEsaurito889 disponibili402 disponibili923 disponibili
Add to cart

Leggi tutto

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

Aggiungi al carrello

DescriptionPapayaNoci Di CoccoKiwi ZespriAnanas   (Peso variabile: 1,7-2 Kg circa)  BananaLime
ContentLa papaya (frutto di Carica papaya L.) è conosciuta anche come frutto della vitalità grazie alla sua azione tonica, energetica e rivitalizzante. Ricca di antiossidanti, come carotenoidi, contiene anche elevate quantità di vitamina A e vitamina C. Scopriamola meglio. Nella papaya sono presenti potenti antiossidanti come i carotenoidi e i flavonoidi che proteggono le nostre cellule dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare e da alcune gravi patologie. Tra i carotenoidi spicca il licopene (una papaya media ne contiene 2,5 mg – Fonte: Carotenoid Database for U.S. Food, 1998), potente antiossidante naturale la cui azione è quella di combattere l'invecchiamento cellulare e la proliferazione cellulare causa di molteplici malattie cronico-degenerative. Non sintetizzato dall’organismo, occorre procurarlo dagli alimenti che lo contengono e che sono rappresentati, come fonte privilegiata, per il 90% dal pomodoro e i suoi derivati, dal pompelmo rosa, dall’anguria, dall’uva, dall’albicocca e appunto dalla papaya. Molto simile al melone, la papaya è un frutto molto dissetante grazie al suo elevato contenuto di acqua (circa 88%), inoltre ha ottime proprietà nutritive perché ricchissima di vitamine A, vitamina C (più del kiwi e delle carote!) e vitamina P, ha molte fibre, pochissimi grassi (0,3%) e un basso apporto calorico (circa 39 kcal per 100 grammi). Dai frutti immaturi si ricava un enzima, la papaina: enzima proteolitico che può essere usato per la cura di difficoltà digestive grazie alla sua capacità di degradare le proteine. Questo enzima, infatti, facilita la digestione delle proteine ingerite e la sua azione è particolarmente evidente dopo i pasti frettolosi e abbondanti. Nel frutto maturo la quantità di questo enzima risulta però più bassa. Questa funzione è particolarmente utile poiché dopo i 35 anni di età la produzione, da parte del pancreas, di enzimi con attività proteolitica diminuisce. Inoltre la papaina, grazie a un suo effetto alcalinizzante, ristabilisce nell’organismo l’equilibrio acido-base spesso compromesso e squilibrato verso l’iperacidità da diversi fattori, come un’alimentazione non corretta, povera di frutta fresca e verdura, lo stress, un consumo eccessivo di farmaci, l’inquinamento ambientale e un’insufficiente attività fisica. Una delle conseguenze dell’iperacidità è un aumento della formazione di radicali liberi che danneggiano le strutture cellulari.   Per 100 g di prodotto abbiamo:
  • 0.3 g di grassi
  • 0 mg di colesterolo
  • 8 mg di sodio
  • 182 mg di potassio
  • 11 g di carboidrati
  • 1.7 di fibre
  • 8 g di zucchero
  • 0.5 g di proteine
La palma da cocco si presta a moltissimi scopi, si tratta di una pianta longeva e possente, tipica dei Paesi a clima caldo-temperato ed originaria dell'Indonesia. Appartengono alla stessa famiglia di banane, ananas, avocado e datteri. Al momento dell’acquisto, onde poterne verificare la freschezza, è bene scuoterla per accertarsi della presenza al suo interno dell’acqua. L’assenza di quest’ultima ne pregiudicherebbe senza dubbio la freschezza.
  • la buona presenza di vitamina B e C la rende utile nel trattamento di alcuni disturbi quali possono essere la debolezza in generale, problemi di nervosismo e i disturbi urinari.
  • ricca di potassio rappresenta un ottimo alimento ricostituente per reintegrare i sali minerali in caso di bisogno.
  • aiuta ad eliminare l’aria ed il gas in eccesso nello stomaco e nell'intestino Ha inoltre proprietà utili per eliminare le tossine presenti nell'apparato digerente.
  • la presenza di grassi saturi in questo frutto aumenta i livelli di colesterolo buono HDL nell'organismo. Si ritiene che l’aumento di questo tipo di colesterolo sia benefico per la salute del cuore.
Una proprietà interessante della noce di cocco è che questo frutto tropicale può essere utilizzato per ridurre l’appetito e si sposa perfettamente con numerosissime ricette. l guscio di questo frutto è particolarmente resistente per cui aprire la noce e gustare la polpa richiede una certa dimestichezza. Per riuscire ad aprirlo è necessario innanzitutto perforare uno dei tre “occhi” visibili sul guscio aiutandosi con l’impiego di un punteruolo o di un cavatappi. Dopo aver lasciato fuoriuscire l’acqua versandola in un bicchiere, si può rompere la noce colpendola lungo il diametro con un martello. In tal modo sarà possibile aprire a metà la noce e consumare la polpa dopo averla distaccata accuratamente e pazientemente dal guscio. L’odore e il sapore dell’acqua di cocco rappresentano un ottimo rilevatore della bontà e della qualità della polpa di questo frutto. Se presenta un buon odore, l’acqua di cocco costituisce anche un’ottima bevanda dissetante e depurativa. Curiosità: La parola cocco deriva dal termine portoghese coco che significa testa, è stato dato il nome alla pianta dai marinai di Vasco de Gama che si sono basati sulla forma del frutto che assomiglia appunto a quella di una testa.
I frutti delle diverse varietà di kiwi hanno forme e colori differenti; in Italia, le due varietà commercializzate con buona diffusione sul territorio sono il kiwi VERDE ed il kiwi ORO. Entrambi hanno la forma e le dimensioni di un tubero ed al centro del frutto contengono numerosi e piccoli semi di colore nero; le differenze consistono nella forma, nel colore della polpa e nella buccia; il primo è ovale con polpa verde e buccia pelosa, mentre il secondo è più allungato, con polpa giallognola e buccia priva di peluria. Con i suoi 620 mg di acido alfa-linolenico per grammo, l'olio di semi di kiwi rappresenta in assoluto una delle fonti più generose di questo acido grasso essenziale, capostipite degli ormai "famosi" omega tre. Il kiwi, infine, è inserito nella lista degli alimenti tipicamente ritenuti lassativi e tale effetto, variabile da persona a persona, è da attribuirsi in parte alla buona presenza di fibra solubile. Rientra tutt'oggi nella lista delle allergie alimentari più diffuse al mondo e il principale imputato nella comparsa di questi fenomeni allergici è una proteina, l'enzima actinidina Esso è un frutto prelibato, adatto a molteplici ricette, ad esempio è possibile abbinarlo ad arance e mela oppure allo zenzero per gustare molti frullati dimagranti, energetici e dissetanti. Per riconoscere un buon kiwi, In linea generale, si deve presentare con la buccia integra e quindi senza segni particolari, con una forma regolare e non deve essere né troppo acerbo né troppo morbido, per poter essere consumato in assoluta tranquillità.   100 g di kiwi contengono 44 kcal / 184 kj e inoltre:
  • Acqua 84,60 g
  • Carboidrati 9 g
  • Zuccheri solubili 9 g
  • Proteine 1,2 g
  • Grassi 0,6 g
  • Colesterolo 0 g
  • Fibra totale 2,20 g
  • Sodio 5 mg
  • Potassio 400 mg
  • Ferro 0,50 mg
  • Calcio 25 mg
  • Fosforo 70 mg
  • Magnesio 12mg
L’ananas è un frutto esotico, molto ricco di proprietà nutrienti ed apporta numerosi benefici alla salute del nostro corpo. Nelle ricette più sofisticate l'Ananas viene associato alle carni grasse e alle insalate; più frequentemente invece viene utilizzato nelle preparazioni di frullati, torte, pasticcini, gelati e macedonie. Molto ricco di acqua, rappresenta un ottimo e potente alleato contro la ritenzione idrica, la cellulite, per i suoi effetti digestivi. L'Ananas, oltre che per il frutto, viene coltivata come pianta d'appartamento per le sue foglie molto decorative; si adatta bene anche ad ambienti con poca luce; le foglie perdono però un po' di colore.   Valori nutrizionali per 100g di ananas:
  • Acqua 86,40 g kcal 42
  • Proteine 0,5 g Grassi 0,00 g
  • di cui saturi 0,00 g
  • Carboidrati 10 g
  • Fibre 1 g Ferro 0,5 mg
  • Potassio 250 mg
  • Fosforo 8 mg
  • Magnesio 16 mg
  • Zinco 0,10 mg
  • Vitamina C 17 mg
  • Vitamina E 0,10 mg
  • Indice glicemico 50
  • Colesterolo 0 g
 
  • Magnesio: l’ananas è ricco di questo minerale fondamentale per il benessere del sistema nervoso, per la costruzione dello scheletro e per il metabolismo dei grassi;
  • Vitamina C: con la sua funzione antiossidante, è fondamentale per il nostro sistema immunitario, inoltre è importante per l’assimilazione del ferro da parte dei globuli rossi;
  • Potassio: minerale implicato in diversi processi fisiologici come la contrazione muscolare, il mantenimento di un corretto equilibrio idro-salino e la regolazione della pressione arteriosa.
Curiosità: Gli indigeni del Sud America la chiamavano “nana”, i Portoghesi “ananaz”, quindi ananas in italiano, francese e tedesco; per gli Spagnoli era la “piña” per la somiglianza ad una pigna: da qui il termine inglese “pine apple”. Nel XVI secolo lo scrittore spagnolo Fernandez de Oviedo definì l'Ananas come “la donna più bella nel mondo delle piante” in riferimento alla bellezza e alla bontà del frutto.    
La banana è costituita prevalentemente da acqua (75 %). Non è pertanto molto diversa dal resto degli altri frutti polposi, e anzi, sembra contenerne meno della maggior parte di quelli locali come mela, pera, prugna, pesca, albicocca, ciliegia, fragola, anguria, melone ecc. Alla banana sono attribuite proprietà remineralizzanti, gli oligoelementi della banana, esattamente come per gli altri frutti, il potassio è da considerare il minerale più importante – anche se, per qualche motivo, la banana viene considerata una vera e propria "miniera" di questo nutriente. È per questo motivo che viene soventemente consigliata nella dieta di chi suda molto – come gli sportivi, poiché il potassio e il sodio sono i due minerali maggiormente perduti con la sudorazione – e dell'iperteso – il potassio ha proprietà ipotensive. Seguono calcio, fosforo, rame e ferro. Il ferro contenuto nella banana non è particolarmente utile in caso di anemia, perché scarsamente biodisponibile. Vi sono molteplici trucchi e ricette per sfruttare al meglio persino le banane un pochino troppo mature.   Valori per 100 g:
  • Energia 89,0 kcal
  • Carboidrati TOT      22,84 g
  • di cui zuccheri solubili   12.23 g
  • Fibre    2,6 g
  • Grassi TOT 0,33 g
  • Proteine     1,09 g
  Vitamine:
  • Tiamina (vit B1) 0,031 mg
  • Riboflavina (B2)      0,073 mg
  • Niacina (vit PP) 0,665 mg
  • Acido pantotenico (vit B5)   0,334 mg
  • Piridossina (vit B6)  0,40 mg
  • Folati, DFE 20,0 mcg
  • Colina  9,8 mg
  • Vitamina C (acido ascorbico)    8,7 mg
  Minerali :
  • Ferro    0,26 mg
  • Magnesio   27,0 mg
  • Manganese 0,27 mg
  • Fosforo 22,0 mg
  • Potassio     358,0 mg
  • Zinco   0,15 mg
  • Sodio   1,0 mg
  • Acqua  74,91 g
La limetta, conosciuta commercialmente anche come lime è un alberello di forma irregolare di 4-5 metri d’altezza della famiglia delle Rutaceae. Il suo frutto, ancora scarsamente utilizzato, spesso è confuso con il limone o talvolta considerato come la traduzione in inglese del termine “limone”. In realtà non è lo stesso agrume, pur appartenendo alla stessa famiglia, si ipotizza che si tratti di un ibrido tra il cedro e il limone ma non tutti gli esperti sono d'accordo sulla sua origine. Vengono utilizzati per condire i cibi, insaporire le bevande e la loro produzione agricola rende disponibili i frutti per tutto l'anno. Come quest’ultimo, il lime contiene molta vitamina C (che ha un potere antiossidante e potenzia le difese immunitarie), vitamine del gruppo B (utili per il sistema nervoso), sali minerali (soprattutto il potassio e magnesio), acido folico, flavonoidi, mucillagini e acidi organici. Se mangiati abitualmente aiutano a mantenere lo stato di idratazione poiché rappresentano una ricca fonte di acqua. I valori nutrizionali del lime e le sue proprietà terapeutiche sono praticamente molto simili a quelle del limone. Per 100 gr l'apporto calorico è di 14 kcal dovute alla presenza di:
  • acqua circa 90g
  • carboidrati 8g
  • proteine meno di 0,5g
  • fibra meno di 0,5g
WeightN/AN/AN/AN/AN/AN/A
DimensionsN/AN/AN/AN/AN/AN/A
Additional information
Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Image
  • SKU
  • Rating
  • Price
  • Stock
  • Availability
  • Add to cart
  • Description
  • Content
  • Weight
  • Dimensions
  • Additional information
  • Attributes
  • Custom attributes
  • Custom fields
Click outside to hide the comparison bar
Compare